26.10.19
LIVE A/V h.22:00 | c/o NUB PROJECT SPACE – Via Buonfanti, 42 – Pistoia

JUNG AN TAGEN
PROXY STATES

Nella sua terza uscita su Editions Mego, Jung An Tagen dove continua ad espandere la sua particolare visione di una musica elettronica poliritmica mischiata ad un futuribile sound da club. In “Proxy States” la techno si sta evolvendo in un altro regno. “Proxy States” è il suo tentativo più formulato di combinare le moderne tecniche di composizione con l’estetica techno ritualistica. Qui porta la sua ossessione per la struttura a un accumulo più narrativo, creando nuovi percorsi e trame attorno ai suoi ritmi contagiosi. Con questa struttura, Jung An Tagen sviluppa una relazione emotiva tra ripetizione e dissonanza. È musica avvincente. Musica in costante esplosione.

In his third release on Editions Mego, Jung An Tagen continues to expand his unique vision of oblique electronic music mixed with future dance club sound. In “Proxy States” techno is evolving into another realm. “Proxy States” is his most formulated attempt to combine modern composition techniques with ritualistic techno aesthetics. Here he takes his obsession with structure to a more narrative build-up, creating new paths and textures around his infectious beats. With this structure, Jung An Tagen develops an emotional relationship between repetition and dissonance. It’s addictive music. Music in constant explosion.

jungantagen.bandcamp.com

LOREM
ADVERSARIAL FEELINGS

Le reti neurali sono oggi ampiamente utilizzate per rilevare, classificare e ricostruire le emozioni, principalmente al fine di mappare i comportamenti degli utenti e influenzarli in modo efficace. Ma cosa succede quando usiamo l’apprendimento automatico per eseguire sentimenti umani? E se lo usassimo per produrre una simulazione della soggettività e delle sue agenzie, piuttosto che influenzare i consumatori? Adversarial Feelings è un tentativo di informare l’intelligenza non umana con set di dati emotivi, al fine di costruire un’intimità algoritmica attraverso quei dispositivi intelligenti. L’obiettivo è osservare la dimensione soggettiva / affettiva dall’esterno, parlare delle emozioni umane percepite da occhi non umani. La loro trasposizione in una nuova forma aiuta Lorem ad abbracciare una nuova prospettiva e a riconoscere esperienze fratturate.

Lorem è un progetto multidisciplinare guidato dalla musica del musicista e artista visivo italiano Francesco D’Abbraccio. Lavorando con reti neurali e sistemi di intelligenza artificiale, esplora le intelligenze non umane attraverso flussi e set AV profondi ed emotivi.
Negli ultimi tre anni Lorem ha costruito una piattaforma di collaborazione che coinvolge artisti di intelligenza artificiale (Mario Klingemann, Yuma Kishi), ricercatori di intelligenza artificiale (Damien Henry, Nicola Cattabiani), videoartisti (Karol Sudolski, Mirek Hardiker) e designer di strumenti musicali (Luca Pagan, Paolo Ferrari) nei suoi processi. Il debutto che ne è uscito “Adversarial Feelings” è stato presentato in anteprima allo Sheffield International Documentary Festival e recentemente ha vinto il premio RE: HUMANISM per le intersezioni tra AI e Arts.

Neural Networks are nowadays widely used to detect, classify and reconstruct emotions, mainly in order to map users behaviours and to affect them in effective ways. But what happens when we use Machine Learning to perform human feelings? And what if we use it to produce a simulation of subjectivity and its agencies, rather then to affect consumers? Adversarial Feelings is an attempt to inform non-human intelligence with emotional data sets, in order to build an algorithmic intimacy through those intelligent devices. The goal is to observe subjective/affective dimension from the outside, to speak about human emotions as perceived by non-human eyes. Transposing them into a new shape helps Lorem to embrace a new perspective, and to recognize fractured experiences.

Lorem is a music-driven multidisciplinary project by Italian musician and visual artist Francesco D’Abbraccio. Working with neural networks and AI systems, he explores non-human intelligencies through deep, emotional AV streams and sets.
In the last three years Lorem built a collaborative platform involving AI artists (Mario Klingemann, Yuma Kishi), AI researchers (Damien Henry, Nicola Cattabiani), Videoartists (Karol Sudolski, Mirek Hardiker) and music instruments designers (Luca Pagan, Paolo Ferrari) in his processes. The resulting debut release “Adversarial Feelings” was premièred at Sheffield International Documentary Festival and  recently won RE:HUMANISM prize for intersections between AI and Arts.

OTTAVEN

Ottaven è il nome che ho scelto per la mia personale relazione con il sonoro. Per ora non mi interessa una forma canzone rigida; ho bisogno di strutture che in qualche modo possano cambiare stato e dare spazio ad un ascolto interiore ma espansivo. Suono, silenzio e attivazione. Fisicamente interpretiamo, arrivano dei significati. Cerco input al di fuori del mondo della musica, come quando hai una punta di ghiaccio in mano, con una sua direzione tattile, croccante fragilità, perfetta da immaginare.

Ottaven exists since 2003 and is the audio side of Canedicoda, a multi-disciplinary artist who works in design, fashion, music and performance. He is currently active playing in Primorje, Arbre du Ténéré and together with the dancer Roberta Mosca is deveoping a 24 years long installative project called Musica per un giorno. Ottaven mainly idea of sound is a result of minimal inputs, poor electronics, spurious rhythms, fragrant loops, field recordings, far voices and memories of objects. Improvised compositions that go drifting up to get stuck in the interludes of their exhaustion developing new immaginary landscapes, time-space introspective and relaxing areas.

canedicoda.com
ottaven.bandcamp.com